Varese:

16 04 2021, 10:19

Come sostenerci
Scopri come è possibile aiutare la Fondazione a svolgere la sua attività
Ai sensi dell'art 1 co 125-129 Legge 4 agosto 2017 n. 124 in materia di Trasparenza

La Fondazione La Sorgente di Solidarietà Sociale Onlus c.f. 95065710121 HA RICEVUTO:

- nel corso dell'anno 2019 in data 07/08/2019 la somma di € 45.411,14 dal Ministero Del Lavoro e delle Politiche Sociali, quale contributo governativo relativo al 5 per mille dell'IRPEF annualità 2017

- nel corso dell'anno 2018 in data 16/08/2018 la somma di € 52.375,25 dal Ministero Del Lavoro e delle Politiche Sociali, quale contributo governativo relativo al 5 per mille dell'IRPEF annualità 2016.

Aree progettuali 2021

OBIETTIVI DEL BANDO

Individuare progetti di utilità sociale che siano inerenti alle seguenti aree di intervento deliberate per l’anno 2021

a) Sostegno al contrasto del degrado, dell’esclusione sociale e della logica dello “scarto” applicata a livello sociale

Il perdurare della crisi economica e sociale ha accentuato e ampliato il disagio, i bisogni sociali, l’esclusione da diritti fondamentali, la deriva verso forme di illegalità.

In questa area di intervento potranno candidarsi progetti a sostegno di:

  • persone in difficoltà, sole o abbandonate, impossibilitate al soddisfacimento dei più elementari bisogni della vita;
  • famiglie in difficoltà per la crisi occupazionale;
  • famiglie con anziani o disabili a carico in difficoltà per i costi per la cura o per la salute delle persone;
  • esperienze di contrasto dell’illegalità, della ludo-dipendenza e dell’usura;

che prevedranno di operare in uno spirito di “coesione sociale” ed escluderanno contributi economici diretti come forma di sostegno ai soggetti interessati.

b) Sostegno a iniziative che favoriscono la convivenza civile e sociale, a partire dalla integrazione scolastica, dall’educazione per giovani e adulti

In questa area di intervento potranno candidarsi progetti a sostegno di:

  • giovani svantaggiati in ragione di condizioni fisiche, psichiche, sociali o famigliari;
  • persone, in difficoltà economiche, appartenenti a collettività estere,

che prevedranno iniziative quali:

  • percorsi educativi e di buona pratica del rispetto reciproco, della convivenza pacifica e collaborativa in ambito culturale, ricreativo, sportivo;
  • percorsi formativi relativi alla sostenibilità ecologica, economica, alla pratica di nuovi stili di vita e all’ambientazione socio-culturale in contesti cittadini e rurali;
  • scuole di italiano per stranieri.

 c) Sostegno ad iniziative che promuovono: la qualità della vita sociale, la formazione umana e professionale, il lavoro.

Con l’intento di sostenere i segnali di ripresa, che si spera possano consolidarsi nel corso dell’anno, viene prevista questa area in cui potranno candidarsi progetti finalizzati ad aiutare in particolare i giovani spaesati di fronte alle difficoltà di trovare un lavoro, proponendo:

  • modalità per districarsi nella complessità e diversità di proposte lavorative e contrattuali;
  • modalità per far emergere potenzialità autoimprenditoriali;
  • modalità di rigenerazione di vecchi mestieri presenti nel nostro territorio;
  • modalità di attuazione di servizi per la cura delle persone;
  • modalità atte a stimolare lo sviluppo o il ritorno qualificato a pratiche agricole nel territorio.

 d) Sostegno ad iniziative che sviluppano la cultura e la pratica della legalità, della pace e della nonviolenza.

In questa area di intervento potranno candidarsi progetti a sostegno di:

  • percorsi di educazione alla legalità, alla pace e alla nonviolenza;
  • esperienze di buone pratiche di legalità;
  • esperienze di contrasto all’illegalità;
  • utilizzo di beni sottratti alle mafie con finalità

CONDIZIONI PER PARTECIPARE

Saranno presi in considerazione i progetti presentati da Organizzazioni operanti sul territorio della regione Lombardia ed in via preferenziale in provincia di Varese, aventi le caratteristiche di enti non profit o di associazioni di promozione sociale o di enti religiosi.

In caso di progetti realizzati da reti di Organizzazioni, l’individuazione del capofila e del soggetto/i che intendono partecipare alla partnership deve essere esplicitata nel progetto e formalizzata e sottoscritta dai legali rappresentati degli Enti partner.

L’organizzazione proponente dovrà presentare una domanda, conforme alla modulistica predisposta dalla Fondazione, disponibile sul sito www.fondazionelasorgente.org, corredata dal budget dettagliato del progetto.

Il contributo richiesto con la domanda non potrà superare il 70% del totale del budget ed essere minore o uguale all’importo di € 15.000,00.

Le attività di volontariato quantificate nel budget non potranno superare il 30% dell’importo totale.

Il budget non potrà comprendere costi relativi a:

  • acquisto di immobili,
  • ristrutturazioni di immobili,
  • spese di gestione ordinaria,
  • debiti pregressi,
  • interventi che non siano fruibili dalla comunità,
  • interventi generici non chiaramente finalizzabili,
  • spese sostenute in data anteriore all’emanazione del bando.

Non saranno presi in considerazione progetti già avviati antecedentemente alla data di emanazione del Bando.

Alla domanda e al budget, predisposti come sopra indicato, dovranno essere allegati:

  • la documentazione che attesti l’accordo con gli altri enti eventualmente coinvolti (ad es. lettera di collaborazione; convenzione);
  • l’attuale composizione degli organi sociali dell’organizzazione proponente;
  • la copia del documento d’identità del legale rappresentante dell’organizzazione proponente.

La domanda, dettagliata e completa, il budget e gli altri allegati dovranno essere consegnati entro il 1 giugno 2021 alla Segreteria della

FONDAZIONE LA SORGENTE DI SOLIDARIETA’ SOCIALE ONLUS, VIA SPERI  DELLA CHIESA 7/9 A VARESE;

in alternativa potranno essere inviati a mezzo posta con plico raccomandato (farà fede la data del timbro di spedizione), oppure mediante PEC all’indirizzo:

fondazionelasorgenteonlus@pec.it

CRITERI DI SELEZIONE E MODALITA’ DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

I progetti presentati verranno selezionati dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione secondo il suo discrezionale ed insindacabile giudizio.

Verranno privilegiati per l’erogazione del contributo quei progetti che:

  • attestino la partecipazione, l’integrazione o la partnership dell’organizzazione proponente con la rete di strutture di base, associazioni specifiche ed imprese sociali delle ACLI PROVINCIALI DI VARESE;
  • siano inerenti all’area di intervento c).

I  progetti selezionati saranno pubblicati sul sito della Fondazione: www.fondazionelasorgente.org e all’organizzazione proponente verrà comunicato l’importo del contributo riconosciuto.

Le organizzazioni beneficiarie avranno un anno di tempo, dalla data di comunicazione del contributo riconosciuto, per produrre una adeguata rendicontazione, che sia: sostanzialmente allineata alle previsioni del budget, rispettosa delle partnership predefinite e supportata da documenti fiscalmente validi che attestino i costi sostenuti per la realizzazione del progetto. Tali documenti dovranno dare copertura ad almeno il 70% dell’importo totale del budget. Per progetti previsti di durata poliennale la rendicontazione potrà essere presentata entro sei mesi dalla conclusione dei progetti stessi.

Le organizzazioni beneficiarie avranno l’obbligo di pubblicizzare il riconoscimento del contributo inserendo in ogni forma di promozione del progetto (es. volantini cartacei, locandine, pagine web, mailing list, comunicati stampa, ecc.) e marchiando i beni significativi prodotti od acquistati per le finalità del progetto con la dicitura: “con il contributo di “ e il logo della Fondazione La Sorgente che verrà fornito con la comunicazione del contributo riconosciuto. Una documentazione comprovante il rispetto di tale obbligo dovrà essere allegata alla rendicontazione finale del progetto.

Esaminata la rendicontazione, il Consiglio di Gestione della Fondazione delibererà ed erogherà il contributo, eventualmente riproporzionandolo rispetto al contributo riconosciuto dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione sulla base della rendicontazione prodotta.

Successivamente alla delibera del contributo riconosciuto e purché trascorsi 30 giorni dalla data di avvio del progetto, il legale rappresentante dell’ente proponente potrà inoltrare formale richiesta per la liquidazione di un anticipo in misura non superiore al 30% del contributo riconosciuto.

I contributi saranno erogati all’organizzazione proponente solo tramite bonifico bancario.

Scarica la BANDO ACCESSO AI FONDI PER ANNO 2021

Scarica il REGOLAMENTO 2021