Varese:

25 08 2019, 5:20

Come sostenerci
Scopri come è possibile aiutare la Fondazione a svolgere la sua attività
Ai sensi dell'art 1 co 125-129 Legge 4 agosto 2017 n. 124 in materia di Trasparenza

La Fondazione La Sorgente di Solidarietà Sociale Onlus c.f. 95065710121

nel corso dell'anno 2018 ha ricevuto in data 16/08/2018 la somma di € 52.375,25 dal Ministero Del Lavoro e delle Politiche Sociali, quale contributo governativo relativo al 5 per mille dell'IRPEF annualità 2016.

Aree Progettuali 2019

La Fondazione propone 4 linee di intervento per le attività 2019 pertanto i progetti che perverranno dovranno aderire almeno ad una delle seguenti aree:

a) Sostegno al contrasto del degrado, dell’esclusione sociale e della logica dello “scarto” applicata a livello sociale
Il perdurare della crisi economica e sociale ha accentuato e ampliato il disagio, i bisogni sociali, l’esclusione da diritti fondamentali, la deriva verso forme di illegalità.

In questa area di intervento potranno candidarsi progetti a sostegno di:
• persone in difficoltà, sole o abbandonate, impossibilitate al soddisfacimento dei più elementari bisogni della vita;
• famiglie in difficoltà per la crisi occupazionale;
• famiglie con anziani o disabili a carico in difficoltà per i costi per la cura o per la salute delle persone;
• esperienze di contrasto dell’illegalità, della ludo-dipendenza e dell’usura;
che prevedranno di operare in uno spirito di “coesione sociale” ed escluderanno contributi economici diretti come forma di sostegno ai soggetti interessati.

b) Sostegno a iniziative che favoriscono la convivenza civile e sociale, a partire dalla integrazione scolastica, dall’educazione per giovani e adulti

In questa area di intervento potranno candidarsi progetti a sostegno di:
• giovani svantaggiati in ragione di condizioni fisiche, psichiche, sociali o famigliari;
• persone, in difficoltà economiche, appartenenti a collettività estere,
che prevedranno iniziative quali:
• percorsi educativi e di buona pratica del rispetto reciproco, della convivenza pacifica e collaborativa in ambito culturale, ricreativo, sportivo;
• percorsi formativi relativi alla sostenibilità ecologica, economica, alla pratica di nuovi stili di vita e all’ambientazione socio-culturale in contesti cittadini e rurali;
• scuole di italiano per stranieri.

c) Sostegno ad iniziative che promuovono: la qualità della vita sociale, la formazione umana e professionale, il lavoro.
Con l’intento di sostenere i segnali di ripresa, che si spera possano consolidarsi nel corso dell’anno, viene prevista questa area in cui potranno candidarsi progetti finalizzati ad aiutare in particolare i giovani spaesati di fronte alle difficoltà di trovare un lavoro, proponendo:
• modalità per districarsi nella complessità e diversità di proposte lavorative e contrattuali;
• modalità per far emergere potenzialità autoimprenditoriali;
• modalità di rigenerazione di vecchi mestieri presenti nel nostro territorio;
• modalità di attuazione di servizi per la cura delle persone;
• modalità atte a stimolare lo sviluppo o il ritorno qualificato a pratiche agricole nel territorio.

d) Sostegno ad iniziative che sviluppano la cultura e la pratica della legalità, della pace e della nonviolenza.

In questa area di intervento potranno candidarsi progetti a sostegno di:
• percorsi di educazione alla legalità, alla pace e alla nonviolenza;
• esperienze di buone pratiche di legalità;
• esperienze di contrasto all’illegalità;
• utilizzo di beni sottratti alle mafie con finalità sociali.